Numerose le librerie coinvolte nel progetto. Clicca qui per approfondire 

Per le librerie interessate al progetto una lettera di presentazione:

Caro libraio,
 
Il panorama editoriale italiano si sta modificando con l’ingresso dei libri digitali (e-book) acquistabili su store (librerie) online e i dati indicano un timido ingresso destinato a crescere anche nel mondo della scuola, dove è già previsto l’ingresso dei libri scolastici in formato digitale, tale da far prevedere una richiesta sempre più ampia di titoli in formato e-book. Sysform Editore realizza e commercializza libri in formato digitale (e-book) nativo (non esistono in cartaceo) con un catalogo di testi per il mondo della formazione degli insegnanti e degli educatori e con libri per adolescenti e per bambini.
 
La caratteristica dei testi è determinata soprattutto dalla ipertestualità (video, audio, link esterni) che rendono i prodotti editoriali non antagonisti del libro cartaceo ma un’occasione di lettura differente. Per questo motivo Sysform Editore ritiene che le librerie rappresentino il luogo fisico dove poter acquistare anche e-book e che i librai rimangono punti di riferimento per i clienti che sono interessati anche alle nuove produzioni editoriali in formato digitale.
Abbiamo quindi attivato e presentato in esclusiva alla Fiera del libro di Torino un progetto di collaborazione con le librerie denominato
 
Smart e-book: gli e-book sullo scaffale

ora gli e-book li trovi anche in libreria

.
Info
Simona Di Clemente Stampa E-mail
Mercoledì 01 Dicembre 2010 08:07

L'autore si presenta

Sono Simona Di Clemente una giovane insegnante di sostegno didattico della scuola primaria. Adoro il mio lavoro e lo ritengo una vera e propria missione quotidiana. Ho deciso di lavorare con i bambini perché li considero la parte migliore dell’intera umanità, il loro essere spontaneo e sincero è ciò che di più bello esiste al mondo. Lavorare con alunni in difficoltà significa, per me, guardare senza esitazione lo svantaggio in un’ottica di riscatto, puntare sempre in alto e credere fermamente in ogni loro ipotetica conquista.

Già durante il mio percorso di studi all’Università sognavo di intraprendere la carriera d’ insegnante, per offrire un sorriso rassicurante e allegro ogni giorno a chi più ne ha bisogno; ciascun bambino in fase di crescita merita un’attenzione speciale, in grado di portare l’educatore ad isolare dal contesto scolastico qualsiasi piccolo o grande problema quotidiano personale.

La cosa più bella e significativa che mi hanno detto nella mia vita, è stata:   <<La scuola ha bisogno di una persona come te!>>, le parole della tutor universitaria, Lucia Sinibaldi, che mi ha seguito durante il percorso di tirocinio indiretto all’Università dell’Aquila, a seguito della discussione della mia tesi. Parole che non ho mai dimenticato e che risuonano in me in ogni momento di difficoltà o sconforto, di fronte ad un sistema che a volte trovo essere parecchio distante dal mio ideale di Comunità di apprendimento.

Fin dalle prime esperienze lavorative ho investito le mie energie al fine di trovare soluzioni istantanee e flessibili ai diversi problemi incontrati. Nella consapevolezza della necessità di offrire ai bambini delle risoluzioni certe e capaci di rinviare significati profondi, orientate sempre al loro progetto di vita, personale e collettivo.

 

Credo nella potenza di ciascuna parola, di ogni singolo gesto ed espressione come veicoli di un’educazione che si rafforza per mezzo di questi elementi, così pregnanti di significati aggiunti. 

 

Agli inizi della mia carriera mi sono trovata a dover fronteggiare situazioni difficili, soprattutto nelle supplenze temporanee in cui hai un tempo ristretto entro cui cercare di espletare al meglio la tua opera. Conoscere l’alunno, conquistare la sua fiducia e magari riuscire a incoraggiarlo, a credere in sé; come quando mi è capitato di convincere  un alunno ad uscire da sotto il suo banco, posto in cui si rifugiava per insicurezza e paura di non farcela. Ma quando riesci in quest’impresa, quando trovi  le parole giuste da usare ed i gesti idonei per rassicurarlo e condurlo a credere in se stesso; bene questo è qualcosa di incommensurabilmente bello e impagabilmente valido.

 Quando diciamo a un bambino che lui è magico e  che con la sua magia è in grado di poter fare ogni cosa, gli diciamo a chiare lettere che crediamo in lui e che siamo certi che qualcosa di positivo sta per accadere. Queste esperienze mi hanno riempito il cuore di una certezza che anima ancora oggi il mio operato.

Durante questi quattro anni di lavoro, come supporto a bambini affetti da diversi disagi ed handicap certificati, ho sempre pensato di essere una persona fortunata, perché ho l’opportunità di imparare ogni giorno, in ogni istante tante cose dai bambini. Ciascuno di loro mi ha donato una speranza per crederci ancora e sempre, un’emozione indescrivibile segnata dall’apprendimento di una conoscenza o di un’abilità che magari agli inizi sembrava improvabile.

Orientando il mio lavoro in proposte attive e in attività fruibili nella pratica, ho riscontrato un’agevole comprensione e una viva capacità di apprendere anche

nell’alunno svantaggiato.

In ogni sapere teorico, ricercare l’aspetto pratico è essenziale per  permettere a tutti gli alunni di giungere ad acquisizioni importanti e  motivarli verso nuovi traguardi.

Il mio sogno rimane quello di realizzare una scuola attivamente presente, collaborante e creativa, capace di rileggere se stessa per un continuo migliorarsi, che è condizione primaria di ogni azione educativa efficace.

Cercando in ogni momento uno scambio attivo, sincero e collaborativo con l’altro, sia esso collega, alunno o genitore, all’insegna del valore della diversità e della pluralità; cerco di fare del mio meglio per diffondere nella scuola un’accoglienza diffusa capace di rileggere metodi, strategie e scambi comunicativi.

Le mie parole chiave preferite sono: TUTTI ed OGNUNO perché  ciascuno è un essere speciale diverso ma allo stesso tempo  uguale agli altri per bisogni, diritti e doveri. Perché non ha senso un’educazione per pochi o alcuni , bensì una formazione plurale orientata a far progredire ogni individuo, rispettando i propri tempi e modi nell’apprendere.

Perché TUTTI ed OGNUNO meritano una scuola in grado di accoglierli pienamente: mediante un approccio centrato sulla persona, che sia  orientato all’ambito cognitivo, ma  anche (e  soprattutto) nello stesso tempo diretto ad un’attenta contemplazione della sfera emotiva e calato sugli effettivi bisogni dell’infanzia.

.
 

eBook Store

Scegli/Acquista il tuo e-Book

Servizi agli Editori

Dal libro cartaceo all'ebook

Servizi per gli Editori

 

Smart e-book

Gli e-book in libreria

Visita...

Rivista telematica di percorsi per l'integrazione


Promozione di Sistemi Formativi


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione di approfondimento cliccando su Cookies Policy. Per approfondimenti Cookies Policy.

Accetto i cookies